Agorà
 

“Crescere in Calabria”: per i giovani inseriti nel circuito della giustizia minorile un tavolo di lavoro per rispondere ai bisogni emergenti

Realizzare sistemi condivisi al di là dell'episodicità è l'impegno di Crescere in Calabria, progetto selezionato dall'impresa sociale Con i Bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. A questo scopo – si legge in un comunciato stampa - si è tenuto la scorsa settimana un incontro nella sala consiliare di Siderno, per costruire un sistema territoriale di supporto ai minori in fragilità della Locride.

L'incontro è stato coordinato dal settore "Servizi alla persona" del comune di Siderno, alla presenza dei referenti degli uffici di piano dei due distretti socio sanitari della Locride, dei dirigenti degli istituti scolastici Marconi, Ipsia, Pascoli Alvaro, Bello-Pedullà, del Liceo Mazzini, dell'Ufficio di Servizi sociali per i minorenni USSM del Dipartimento per la giustizia minorile di Reggio Calabria, del Forum del terzo settore, di importanti realtà del privato sociale che operano nel campo, da Civitas Solis, a Fimmina TV, da Sinapsi, alla cooperativa Hermes.

Il dibattito, intenso e proficuo, ha fatto emergere la volontà comune di istituire un tavolo di lavoro che intende allargarsi ad altri soggetti chiave del territorio, a partire dalle forze dell'ordine, e che possa fornire serie risposte ai bisogni dei minori caratterizzati da rilevanti situazioni di disagio o inseriti nel circuito della giustizia minorile.

Un percorso di "comunità educante" – si legge ancora nel comunicato stampa - in un territorio tra i più difficili del paese che mira a fare sistema e a superare le criticità presenti e l'assenza di stabili servizi sul tema.

Un ringraziamento particolare va al contributo fondamentale della direttrice dell'U.S.S.M di Reggio Calabria, Giuseppa Garreffa, che nell'intervento introduttivo ha messo l'accento sull'importanza di creare nella Locride una sinergia reale e stabile della rete che possa occupare fattivamente dei ragazzi più fragili e che sia in grado di intercettare e ridurre il disagio.